Sono già 54 gli studenti che hanno preso parte all’esperienza del Master U-Rise, arrivato quest’anno alla sua terza edizione. Provenienti da tutte le regioni di Italia, hanno arricchito l’esperienza formativa con un mix di background professionali e disciplinari, creando in questi due anni una comunità attiva che rimane in contatto e si muove sul territorio. Questa comunità di “Urisers” ha portato alla nascita di un network che condivide i più importanti appuntamenti sulla rigenerazione urbana e innovazione sociale oltre che essere vetrina per le competenze apprese dagli ex studenti.

Anche il corpo docente del Master U-Rise si è contraddistinto per la ricchezza e varietà dei profili. Docenti dai settori più innovativi dell’università, rappresentanti “illuminati” di istituzioni locali, nazionali e internazionali e practitioner protagonisti delle più significative esperienze di rigenerazione urbana in Italia e in Europa, hanno trovato nel Master il luogo per mettersi in gioco, raccontando i successi e le ombre dei loro percorsi di innovazione sociale.

Nel corso del master gli studenti hanno avuto, così, l’opportunità di apprendere punti di vista, metodi e approcci eterogenei e di entrare a far parte di una rete costituita da studenti, professionisti ed istituzioni che ogni anno va a ingrandirsi e a rafforzarsi. Anche grazie alla possibilità di inserirsi in un circuito nazionale nel periodo del tirocinio, in alcuni dei contesti più significativi d’Italia e d’Europa. Tra questi: Avanzi, Banca Etica, Base, Fondazione Fitzcarraldo, Dynamoscopio, Kcity, Social Seed, Kilowatt, Urban Center di Bologna.

Dalla seconda edizione Master U-Rise ha sperimentato l’utilizzo di laboratori formativi sul campo: in città come Milano e Berlino e Aree Interne come il Cadore. Questi sono stati momenti formativi importanti che hanno creato gruppi di lavoro coesi e relazioni robuste con i partner sul territorio, tracciando un’esperienza che continueremo a rafforzare scegliendo i territori che più si caratterizzano per innovazione ed efficacia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someoneShare on Google+